Scanno

Scanno, tra i borghi più belli d’Italia, deve il suo fascino a una felice combinazione di fattori naturalistici, culturali e storici. Il lago innanzitutto, pittoresco e cristallino, di origine glaciale. Il territorio, ai margini del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise comprende numerosi luoghi di interesse ambientale e turistico come le Gole del Sagittario, Passo Godi e Monte Rotondo, quest’ultime con attrezzature ricettive e impianti per sport invernali. Il circondario è frequentato dall’orso bruno marsicano che, non di rado, in ore notturne, si aggira anche tra le vie del paese. La struttura urbanistica, tipica delle cittadelle medioevali, è formata da una trama fitta  di viuzze con numerosi ed eleganti palazzi signorili e per questo il paese esercita una forte attrazione su fotografi e pittori di fama. La chiesa principale è quella di Santa Maria della Valle ma almeno altre dieci chiese si dislocano nel nucleo urbano e dintorni, come la pittoresca chiesa della Madonna del Lago.

Singolare e sorprendente è il costume delle donne scannesi, che evoca un ché di arabesco nei drappeggi e nel copricapo. L’abito, decorato di merletti e monili,  prodotti dell’eccellente artigianato locale del tombolo e dell’oreficeria, viene ancora oggi indossato, e non solo nelle occasioni cerimoniali.

Questo post è stato pubblicato in Borghi e città d'arte, L'Aquila, Montagna e taggato , , , , , , . Aggiungi il segnalibro.

Lascia un commento