Juan Manuel Fangio

Juan Manuel Fangio è ritenuto, nel mondo dell’automobilismo agonistico, il più grande pilota mai esistito. Era  argentino essendo nato a Balcarce nel 1911, ma aveva sangue abruzzese. I suoi genitori erano originari della provincia di Chieti. Uomo enigmatico, dagli occhi di ghiaccio,  sapeva quello che voleva sin da ragazzino, quando non seguì suo padre nel mestiere di muratore per andare a lavorare in un’officina meccanica.

Il palmares di Fangio è interminabile e forse tuttora insuperato. Il legame con la terra d’Abruzzo era vivificato dalle sue partecipazioni alla Coppa Acerbo, che vinse nel 1950. Gli abruzzesi attempati ancora si esaltano al ricordo delle spericolate prestazioni sportive di “occhi bianchi”, come affettuosamente lo chiamarono. Al suo ritiro dalle corse tornò ancora in Abruzzo.

Fangio è morto a Buenos Aires nel 1995. Tra Spoltore e Cappelle c’è un monumento di Igor Cascella in memoria di Fangio e della Coppa Acerbo nei pressi delle memorabili curve del passato circuito.

Questo post è stato pubblicato in Chieti, Persone, Sport e taggato , , , . Aggiungi il segnalibro.

Lascia un commento