Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

Il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, istituito nel 1991, ha sede all’Aquila nella frazione di Assergi. Si estende su una superficie di circa 150.000 ettari, prevalentemente di montagna. Il territorio del parco è diviso in 11 distretti storico-culturali-naturalistici: 1) Tra i due Regni, nei comuni di Campli e Civitella del Tronto, dove un tempo passava il confine tra il Regno di Napoli e lo Stato Pontificio; 2) Cascate e boschi; Strada Maestra, segue il tracciato della statale 80 del Gran Sasso d’Italia; Valle Siciliana; Grandi Abbazie, dal numero delle antiche chiese e abbazie presenti in questo distretto; Valle del Tirino; Terre della Baronia, in cui si trovano molti borghi tipici d’Abruzzo (Calascio, Santo Stefano di Sessanio, Castel del Monte, Navelli, Caporciano, ecc.); Alte Vette; Alta Valle dell’Aterno; Sorgenti del Tronto e Via del Sale.

La flora nel Parco è molto eterogenea. Principali arbusti e piante d’alta quota sono: la stella alpina dell’Appennino, il ranuncolo magellense, la primula orecchia d’orso, l’adonide curvata, l’astragalo aquilano, la soldanella alpina, il papavero alpino, l’anemone dell’Appennino, il ginepro e la genziana. Tra le specie arboree si distinguono il faggio, il pino nero, l’abete e l’abete bianco, il tasso, l’agrifoglio, la quercia, il mandorlo, il cerro, la roverella, l’orniello, il melo selvatico, il corniolo, il maggiociondolo e il sorbo montano. In località Fonte Vetica si trova un bosco di betulle. Numerose specie di funghi crescono all’ombra delle faggete (porcini e morelle) o negli ampi pascoli d’alta quota (prataioli, vesce, mazza tamburi).

Nel parco si trovano camosci d’Abruzzo, lupi appenninici, gatti selvatici, volpi, cervi, cinghiali, caprioli, roditori (l’arvicola delle nevi è un relitto delle ultime glaciazioni) e mustelidi come il tasso, la faina, la martora, l’ermellino e la puzzola. La presenza dell’orso marsicano e della lince appenninica è saltuaria. Tra gli uccelli spiccano i rapaci (l’aquila reale, il gufo reale, il falco pellegrino, il lanario, l’astore, lo sparviero, il gheppio e il lodolaio) e i passeriformi d’alta quota (il fringuello alpino, la pispola, lo spioncello, il sordone, il codirossone, la coturnice, il gracchio alpino e il gracchio corallino. Le principali specie di rettili sono: la rara vipera dell’Orsini, il colubro di Esculapio, la coronella austriaca e il cervone. La popolazione di anfibi annovera specie pregiate come la salamandra dagli occhiali, il tritone (crestato, comune e italiano) e il geotritone, abitante delle grotte, mentre sui Monti della Laga sono presenti la rana temporaria e il tritone alpestre.

Questo post è stato pubblicato in L'Aquila, Montagna, Parchi e natura, Pescara, Teramo e taggato , , . Aggiungi il segnalibro.

Lascia un commento